• Mar. Mag 24th, 2022

Ivano Marescotti è Enzo, nel film “Criminali si diventa”

DiM.d.M.

Mar 31, 2022

Ivano Marescotti è Enzo, nel film “Criminali si diventa”.

È il suo ultimo ruolo da attore: Ivano Masrescotti, con il personaggio di Enzo si congeda e chiude una carriera quarantennale di successi. Nella pellicola “Criminali si diventa”, di Luca Trovellesi Cesana e Alessandro Tarabelli, è un ex criminale, ormai nonno appena uscito di galera.

Ivano Marescotti è Enzo, nel film "Criminali si diventa"
Ivano Marescotti è Enzo, nel film “Criminali si diventa”

Soprattutto, con questo film che vedremo al cinema il prossimo 5 maggio, l’attore si congeda dal mondo della recitazione, per dedicarsi alla sua TAM, Teatro Accademia Marescotti, a Ravenna e Marina di Ravenna.

 

Ciao Ivano, Enzo Marziali è il prototipo di criminale all’italiana, ce ne parli?

“Enzo è un personaggio non violento, non è un assassino, ma sicuramente è uno che poco va d’accordo con le istituzioni, anzi, nessuno l’ha mai trattato in guanti bianchi.

Piuttosto, ha imparato la lezione e ora, è il nonno di Elettra (la protagonista ndr), ha deciso di chiudere i ponti con la criminalità e i furti, anche se: correte al cinema e andate a vedere “Criminali si diventa””.

Con il ruolo di Enzo, chiudi la tua carriera di attore, come mai?

“Negli ultimi due anni, anche a causa della pandemia, sono stato impegnato solo in una fiction e in questo film in uscita.

Ho deciso di ritirarmi per dedicarmi ad altro, non che manchino i ruoli da interpretare per gli attori della mia età, ma ho fatto una scelta. Mentre, porto avanti con somma soddisfazione la mia accademia: TAM, Teatro Accademia Marescotti, a Ravenna e Marina di Ravenna.

Dove, insieme al mio staff organizzo dei seminari, calendarizzati durante il weekend, di recitazione che impegnano i futuri attori o chi vuole sperimentare e apprendere quest’arte”. 

Ti mancherà studiare i personaggi da interpretare?

“Tra film, fiction e corti sono arrivato a quota oltre 120, ruoli. Ho condiviso il set e il palco con numerosi attori, colleghi tutti straordinari che ringrazio.

Per non parlare dei registi, ho lavorato con Anthony Minghella, Ridley Scott, Roberto Benigni e tanti altri. Soprattutto, ora è arrivato il momento di congedarmi e quest’ultimo meraviglioso film chiude la mia carriera”.

Com’è stata la tua esperienza nel girare il film, con la Sydonia Production?

“Una produzione eccellente, essere diretto da Luca Trovellesi Cesana e Alessandro Tarabelli è stato un piacere. Tutto lo staff, i giovani colleghi attori sono stati l’ennesima famiglia, dove sono stato bene, si è creato un ambiente produttivo e ricco, a ogni ciack”.

La pellicola è stata girata nelle Marche, com’è stata quest’esperienza?

“La mia carriera da attore è iniziata a 35 anni e di città, paesi, regioni e continenti ho avuto l’opportunità di vederne a milioni, sicuramente in tanti posti non sarei mai andato e il bello di questo mestiere è anche questo.

Questa premessa è doverosa, la regione Marche è eccezionale, abbiamo girato tra Fermo, Ancona, Civitanova Marche e Fano. Siamo stati tutti accolti con calore, abbiamo avuto l’opportunità di valorizzare ed essere valorizzati al tempo stesso da questo incantevole territorio italiano”.

 

vipsettimanale.it
Il gossip e l’informazione della settimana.
Non è una testata giornalistica.

Questo sito è protetto da Google invisible reCAPTCHA v3, è soggetto a Goolge Privacy Policy and Terms of Use.

vipsettimanale.it © 2021 All rights Reserved.